Per Milano


Non è che dalle cuspidi amorose
crescano i mutamenti della carne,
Milano benedetta
Donna altera e sanguigna
con due mammelle amorose
pronte a sfamare i popoli del mondo,
Milano dagli irti colli
che ha veduto qui
crescere il mio amore
che ora è defunto.
Milano dai vorticosi pensieri
dove le mille allegrie
muoiono piangenti sul Naviglio.

Alda Merini

Lo dirà una poesia


Mia madre era morbida
e bella
con un neo sulle labbra
per baciare.

Mia madre era nervi
come canne suonate dal vento
con due mani secche
per punire.

Al primo vagito
mi immerse nel suo latte
e miele
e mi mise un suo vestito.

A vent’anni fuggii da lei
per la mia guerra,
-difesa dal suo scudo-
e non sapevo il mio tallone
essere il cuore.
Lo tenne tutto per sé.

Mia madre ora è terra e vermi
ma mi riconsegnò il cuore
al primo vagito
uscito dal mio ventre.

Io preparai il bagno di latte
e miele
e il vestito…

Che ne sarà di quel cuore?
Lo dirà una poesia
quando sarò terra e vermi.

Rossana Bacchella

(Il latte e miele: il latte è il simbolo del primo aspetto dell’amore, quello per le cure e l’affermazione; il miele simboleggia la dolcezza della vita, l’amore per essa, e la felicità di sentirsi vivi.)