Ci si può far mare?


Ci si può far mare?
Come se il mare fosse mondo,
letto al profumo di salsedine
aquila che plana sontuosa nel vento.

Ci si può far mare?
Un guizzare leggero dentro e fuori,
sotto e sopra l’onda spumeggiante
e aver tra le squame solo
il diritto di nascita di pesce.

Ci si può far mare?
Grandioso e accogliente
di corpi straziati da scogli
d’ignoranza e razzismo
e indifferenza di potenti.

Ci si può far mare?
Come grembo di madre che
consola e disciolta col sale
ha braccia spalancate e brodose.

Ci si può far mare?
Immenso e coraggioso custode
di barili di uranio, minaccia
per 7*108 anni agli stessi  figli
dell’uomo che ha imposto la cova.

Ci si può far mare?
Arginare il cattivo tempo dell’uomo
che quanto più ignorante
e sicuro, più protervo si fa.

Ci si può far mare
e ripulire lo schifo di chi non guarda il mare?
Rossana Bacchella

Advertisements