Milano al profumo di tiglio

viale notte

Ti amo Milano,
di un amore malsano.

Informe ragazza di periferia
col cinema in prima visione
e mille luci ingombranti, ho saziato
la misera sacca della mia fantasia.

Solo per te, Milano ammaliante.

Tra marmo forgiato da antichi picconi
ho sfiorato la folla di fabbriche e scuole
nel vento bandiere di mille colori
e passo leggero di futuro e illusione.

Solo per te, Milano delle speranze.

Mentre ai margini dei tuoi confini vendevi
sorrisi succhiando la vita da piccoli fori
in terrazze strapiene di gente compravo
sagaci parole servite in coppe colme di niente.

Solo per te, Milano seducente.

Con passo spavaldo sui miei tacchi a spillo
mi son vendicata , violando,
di un centro svuotato dalla paura
l’asfalto disciolto dal torrido inganno.

Solo per te, odiata Milano tremante.

Ormai immagazzino solo gelo fetente
illusioni marcite di viaggi e carriere
da merce che ero divento zavorra
l’edonista sfrenata s’è ormai rassegnata, ma…
nel vuoto di senso
di ogni pace stonata
stanotte mi coglie alle spalle
portato da brezza leggera
intenso il profumo di tiglio.
Son sola con te qui nel viale
stordita
tu zitta
in attesa.
Lo so,
mi hai fregata…
e ancora facciamo l’amore
ma giuro…
che è l’ultima volta.

Rossana Bacchella

Advertisements

Primavera: un punto di vista.

alberi-antichi-in fiore

Nella squallida casa dai mille inquilini-prigionieri
mendicata dal fondo di un abisso senza tana
tutto è difficile e sono indispettita.

Al particolare stridore del traffico di periferia e
a strepitanti bambine rosa e viola
fan da megafono le prime finestre spalancate.

Son tutti indaffarati a godersi
il tepore anzitempo di questa primavera
che non arrivava mai a lenire le ossa doloranti.

Spiavo dai vetri sozzi da pianterreno
-vi laverò col sole, intanto promettevo-
il cortile benedetto da alberi scaltri
che già sapevano
mentre io, timida, ancora indugiavo.

Ho aspettato e ancor più temuto
il lavorio incalzante scandito da segreti rituali

la frenesia acquattata nel sangue
di nuovo spalanca le porte

la pelle dormiente sotto coltri di gelo
cede alle lusinghe del sole

il corpo supino vibra
col lieve trambusto della terra

ancora una volta
smentita la quieta abitudine del vivere
violenta il lievito della speranza nel cerchio senza fine.

Rossana Bacchella

Ferite e feritoie

Jpeg

Ieri, il Meltemi 
ha pettinato lisci i miei capelli 
spazzava dal nord ignare ferite 
il cielo era di marre azzurro
bianca panna paffuta di nuvola
riempiva il mio cono di felicità 
alzato verso il nitido.

Sdraiata, la testa sotto
l’albero della cuccagna, 
lo sguardo mi ha portata dritto
in alto a raccogliere doni.

Galleggiavo a morto
sul prato fattosi mare
l’odore d’erba diventava salsedine
il treno lontano un canto di sirena
e le case popolari
alle mie spalle
il tempio di Apollo dove
ringraziare delle ferite
che si fanno feritoie sul mondo.

Rossana Bacchella (15-04-2014)